Le Siciliane Casablanca n. 62

3 – Editoriale: L’aria che tira non parla di umanità 5 – Immagini… Stefania Mazzone e Davide Casella – Gerta Human reports 7 – Le confessioni di Joe Nino Rocca 11 – Vite che non contano Carolina Kobelinsky 13 - Un passaporto, un visto, un aereo Silvia Dizzia 17 – Schiave, Vittime o Migranti? Emanuela Abbatecola 20 – Aldo Virgilio Noi e gli Altri 24 - Stefania Mazzone Migrazioni: un seminario permanente 28 – Senza il diritto di avere diritto Carlo Colloca 30 – Soccorsi in mare e Stato di diritto Fulvio Vassallo Paleologo 33 – Graziella Proto Lucano: io sono un fuorilegge 37 –Stefania Mazzone e Davide Casella – Gerta Human reports… Immagini 39 – Nadia non è sola perché Nadia è tutti noi

EDITORIALE - di Graziella Proto

 

L’ARIA CHE TIRA NON PARLA DI UMANITÀ

Nel tempo in cui alcuni fenomeni li si affronta affidandosi ai logaritmi, quello della migrazione lo si affronta ritornando indietro nel tempo. Al periodo della schiavitù. Dimostrando così la non comprensione di ciò che sta accadendo nel mondo e approfittando – come sempre – dei più deboli. Gli ultimi. Quelli che abbiamo sempre spremuto. Quelli nei cui paesi dall’occidente si vorrebbe esportare la democrazia.

Qui a Catania è sorto un seminario permanente sulle migrazioni. Ne faranno parte studiosi, operatori, istituzioni. L’obiettivo? Discutere, progettare, partecipare, scambiare pratiche diverse, e l’incontro tra la comunità scientifica ed i territori.

Da Catania parte questo numero de “LESICILIANE” che è dedicato interamente al fenomeno delle migrazioni, con particolare riguardo alla tratta delle donne. Il tema lo facciamo affrontare a studiosi, operatori e volontari. Così come abbiamo già fatto in passato con Mimmo Lucano e il suo modo di intendere e di accogliere i migranti nella sua Riace.

Qui a Catania,nonostante l’aria politica che tira, si è realizzata la più entusiasta delle solidarietà verso la nave Diciotti con a bordo 177 persone salvate al largo di Lampedusa e tenute ostaggio sulla nave – pattugliatore militare della guardia costiera – ormeggiata innanzi al porto siciliano. Per volontà dell’allora ministro dell’Interno Salvini.

Qui a Cataniasi è realizzata la più appassionata delle opposizioni a Salvini quando qui è venuto pensando di venire a fare la sua passerella. Uno spettacolo che prevedeva anche la passeggiata sul corso principale. Pensando probabilmente – vista appunto l’aria politica che tira – che gli altri, gli sconfitti elettorali, l’opposizione, gli zero, i comunisti – la minoranza insomma – glielo avrebbero permesso. Non è stato così. L’ex ministro della “paura” è stato costretto a starsene rinchiuso nel gabinetto del sindaco etneo al Palazzo degli elefanti circondato da un robusto cordone di protezione e poi costretto a scappare chiuso in macchina rincorso dalle urla della gente che voleva conto e ragione dei suoi decreti di sicurezza. Sicurezza per chi?

Certamente non per i migranti utilizzati come fossero oggetti e non soggetti, sia dalla sinistra che dalla destra, sia in Italia che in altri paesi.

***

Ogni anno decine di migliaia di rifugiati e migranti raggiungono l’Italia attraverso la rotta mediterranea, la più pericolosa al mondo. Durante il viaggio, oltre le morti nel deserto, accade di tutto. Rapimenti, estorsioni, sfruttamento e schiavitù. In Libia le torture e violenze sessuali per uomini e donne sono praticate sistematicamente: in centri di detenzione, prigioni clandestine, posti di blocco ad opera di gruppi armati. I migranti raccontano cose inenarrabili. Indescrivibili. Impensabili. Indicibili. In Libia stuprano le donne per immetterle nella tratta. Fanno violenze a tutti coloro che si trovano a passare dalla Libia per imbarcarsi. In modo da assoggettarli. Opprimerli. Renderli schiavi incapaci di ribellarsi. Molti degli articoli di questo numero parlano proprio di questo.

L’Italia dalla maggior parte dei migranti è vissuta come terra di passaggio, tuttavia, spesso dinanzi alla faccia di un immigrato – per dirla con un eufemismo siamo ostili, alimentando in tal modo la paura e la diffidenza nei confronti dei nuovi arrivati. Spesso creando per coloro che già da tempo vivono da noi quartieri che sono veri e propri incubatori di odio.

Tuttavia Mimmo Lucano con la sua Riace ha dimostrato che l’accoglienza si può fare senza “confondere il movimento con la sicurezza e il lavoro con il riscatto”, come è stato giustamente affermato.

Fino agli anni ’80 la regolamentazione sulle migrazioni faceva riferimento al decreto regio, per dirla con semplicità, ma chi avrebbe mai pensato che scappare dalle guerre o dalla fame fosse un reato? Reato di clandestinità. Vogliamo ricordare la legge Turco-Napolitano? La Bossi-Fini? Vogliamo ricordare il rapporto con la Libia? Un rapporto di buon vicinato in nome del quale abbiamo formato e finanziato le forze di polizia per il controllo delle migrazioni libiche e subsahariane, mentre a più voci e da più parti raccontavano e alcune volte hanno documentato tutte le violenze di cui sopra. Tacciamo sulla Turchia. Su ciò che fa Erdogan.

In Italia le parti politiche in effetti non si sono mai pronunciate in modo chiaro sul tema, per non rinunciare ad una manciata di voti reazionari. Per di più, gli immigrati non votano…

In ogni caso l’asilo è stato sempre oggetto di scontro politico e nessun governo più o meno progressista ha apportato cambiamenti sostanziali alle norme sull’asilo.

La resistenza? Affidata solo alla chiesa, alle organizzazioni umanitarie, ai privati di buona volontà.

Il mondo non sta bene, lo sappiamo, lo vediamo, ma – fra coloro che dovrebbero – nessuno si impegna per sostenere e incrementare la speranza e il sogno di un nuovo mondo possibile.